01/10/2017 - Buona la prima: i Lyons partono con il piede giusto e superano nettamente la Pro Recco

Piacenza, stadio “W. Beltrametti” –  domenica 1 ottobre 2017

Serie A, I giornata

Sitav Lyons Piacenza v  Tossini Pro Recco Rugby  28-5 (16-0)

Marcatori: p.t. 4’ cp. Guillomot (3-0), 8’ m. Cissè (8-0), 18’ cp. Guillomot (11-0), 33’ m. Masselli (16-0); s.t. 44’ m. Agniel (16-5), 52’ m. Thrower tr. Guillomot (23-5), 68’ m. Subacchi (28-5)

Sitav Lyons Piacenza: Thrower (34’ st. Via); Subacchi,Mori, Conti, Bruno (37’ st. Boreri); Guillomot, Colpani (32’ st. Rivetti); Masselli, Cissè, Bance (37’ st. Tarantini); Petrusic (28’ st. Merli), Tveraga (cap) (31’-35’ pt. Merli); Rapone (32’ st. Salerno), Ceresa (38’ st. Borghi), Grassotti (14’ st. Vitiello). All. Orlandi, Solari

Tossini Pro Recco Rugby: Monfrino Ma.; Cinquemani, Tagliavini J. (14’ st. Gaggero), Torchia, Panetti (38’ st. Tagliavini L.); Agniel (cap), Di Tota (1’ st. Romano); Monfrino Mi., Canoppia (25’ st. Cavallo), Ciotoli; Metaliaj (14’ st. Rosa), Nese; Colazo (23’ st. Maggi), Noto (23’ st. Bedocchi), Actis (6’ st. Avignone). All. McLean

Arb. Trentin

Cartellini: nessuno

Calciatori: Guillomot 4/7 (Sitav Lyons Piacenza); Agniel 0/1 (Tossini Pro Recco Rugby)

Note: campo in buone condizioni; spettatori circa 450

Punti conquistati in classifica: Sitav Lyons Piacenza 5; Tossini Pro Recco Rugby 0

Man of the match: Bruno (Sitav Lyons Piacenza)

La Sitav Rugby Lyons comincia la stagione di serie A con una convincente vittoria interna contro la Pro Recco che fuga i dubbi sorti dopo il precampionato e dimostra lo stato di salute della formazione piacentina.

La partita si apre con i Lyons subito in avanti e decisi a imporre il proprio gioco fin dai minuti iniziali. Al 4’ sfiorano la meta al termine di un’azione prolungata all’interno della 22 avversaria e costringono la Pro Recco al fallo. Guillomot trasforma dalla piazzola e porta i bianconeri in vantaggio. Passano solo quattro minuti e questa volta la marcatura pesante arriva con la firma di Cissè. Al 18’ i Lyons allungano ancora con un calcio di punizione di Guillomot. Il vantaggio porta ad un calo di tensione e i Lyons abbassano il ritmo, senza però che la Pro Recco riesca ad approfittarne. Sono invece ancora i bianconeri a marcare: Bruno apre un varco nella difesa dei liguri che Guillomot sfrutta alla perfezione servendo poi un perfetto assist per Masselli. Nel finale di primo tempo gli ospiti spostano il baricentro in attacco, ma la difesa dei Lyons si dimostra superiore negando la marcatura e chiudendo i giochi sul 16 a 0. Nella ripresa la Pro Recco ricomincia da dove aveva concluso il primo tempo e al 44’ marca subito con Agniel. Si tratta però solo di un fuoco di paglia perché già al 52’ i Lyons rimettono in chiaro le cose con Thrower che si insinua a massima velocità nella difesa della Pro Recco e deposita il pallone fra i pali. I bianconeri faticano sempre a dare continuità al proprio gioco, ma tengono a distanza gli ospiti che non impensieriscono più la difesa di casa. L’ultimo quarto vede i leoni piacentini stabilmente nella metà campo ligure a caccia della quarta meta che arriva al 68’ con Subacchi. Il risultato finale vede i Lyons imporsi con un netto 28 a 5 al termine di un incontro nel complesso più che convincente contro un’avversaria diretta nella corsa per la promozione.

Soddisfatto della prestazione dei propri ragazzi il tecnico bianconero Paolo Orlandi: «Volevamo vincere e ci siamo riusciti facendo delle buone cose anche se abbiamo commesso qualche errore di troppo senza il quale la vittoria poteva essere ancora più consistente. Mi è piaciuto l’atteggiamento dei ragazzi, soprattutto dei più giovani, in particolare Ceresa e Borghi che hanno debuttato in un ruolo molto delicato.»

Al termine dell’incontro è stato Lorenzo Maria Bruno ad essere premiato come Man of the match: «Difficilmente potevamo fare meglio di così. Forse non mi aspettavo una vittoria così netta, ma mi aspettavo il successo perché avevamo voglia di dimostrare il nostro valore e siamo scesi in campo con tanta grinta. Forse ci aspettavamo una sfida più equilibrata, ma ritengo che non dovremmo pensare all’avversario, ma solo a noi stessi perché se giochiamo come sappiamo non dobbiamo temere nessuno.»

Soddisfatto ed emozionato anche Riccardo Borghi, classe 1999, cresciuto nelle giovanili bianconere e oggi all’esordio in prima squadra: «Abbiamo giocato seguendo bene il piano di gioco e il risultato è arrivato. A livello personale sono molto soddisfatto per il mio esordio: è stata un’emozione unica coronata dal successo contro un avversario così importante.»


All rights reserved - Tutti i contenuti sono di proprietà di Rugbylyons.it